News

Rinnovo del CNNL settore bancario: i sindacati richiedono l’inserimento delle norme su whistleblowing

By 7 maggio 2019 No Comments

Il 15 marzo scorso è stato approvato dai Segretari Generali di Fabi, First Cisl, Fisac Cgil, Uilca e Unisin la nuova piattaforma per il rinnovo del Ccnl del settore bancario che contiene alcune importanti variazioni che riguardano anche alcune tutele, queste proposte saranno presentate il 31 maggio all’ABI.

Tra le richieste avanzate dai sindacati è presente anche l’estensione della legge sul whistleblowing anche per i lavoratori del settore creditizio e finanziario.   Il recepimemto della Legge n. 179/2017, prevede disposizioni dettagliate a tutela dei whistleblower, ovvero i lavoratori che segnalano irregolarità o reati, equiparando quindi i lavoratori privati a quelli pubblici, che già beneficiavano di queste garanzie.

 

Nuove tutele per i whistleblower del settore finanziario creditizio

I lavori del settore bancario potranno quindi accedere a canali sicuri per effettuare le proprie segnalazioni, ricevendo tutele riguardanti la riservatezza, assicurando il divieto di ritorsione o di atti discriminatori nei loro confronti.

Di seguito riportiamo quanto previsto dall’’art. 2 della Legge n. 179/2017, aggiungendo il comma 2bis all’art. 6 del D.lgs. n. 231/2001 (o “Decreto”), ha stabilito che:

  • i modelli organizzativi previsti dal Decreto debbano contenere uno o più canali attraverso cui effettuare le segnalazioni, che consentano di garantire la riservatezza dei segnalanti;
  • almeno uno di questi canali di segnalazione sia idoneo a garantire, con modalità informatiche, la riservatezza dell’identità dei segnalanti;
  • siano vietati atti di ritorsione o discriminatori nei confronti dei segnalanti per motivi collegati alle segnalazioni;
  • il segnalante e l’organizzazione sindacale indicata dal medesimo possano denunciare all’Ispettorato Nazionale del Lavoro l’adozione di misure discriminatorie poste in essere dall’ente;
  • il licenziamento ritorsivo o discriminatorio, il mutamento di mansioni, nonché qualsiasi altra misura ritorsiva o discriminatoria adottata nei confronti dei segnalanti siano da considerarsi nulli.

 

Un accordo europeo a tutela di chi segnala sia nel settore pubblico sia in quello privato

La richiesta di includere la Legge sul Whistleblowing all’interno del CCNL dei bancari è in linea con l’approvazione recente delle direttive europee (maggiori informazioni nella news: Approvata la legge sul Whistleblowing), ed evidenzia la necessità che banche e intermediari finanziari predispongano canali di segnalazioni idonei a tutelare i whistlerblower.

Richiesta Informazioni

Richiedi maggiori informazioni sul nostro software per la segnalazione degli illeciti, dedicato ad aziende e PA, oppure sui nostri servizi o sul tema del whistleblowing attraverso il form sottostante.
Un nostro referente ti contatterà al più presto. In alternativa, contattaci al seguente numero: 02.72422.210

Dall'esperienza di Unione Fiduciaria,
un'analisi multidisciplinare
degli aspetti civili e penali
del Whistleblowing

Scopri di più