News

Whistleblowing: sistemi anticorruzione (per pubblico e privato) e tutela del dipendente

Whistleblowing: disponibile dal 29/1 il nuovo eBook a cura di Unione Fiduciaria

La legge n. 179/2017 definisce le disposizioni relative ai sistemi di whistleblowing volte, da un lato a tutelare la riservatezza dell’identità dei soggetti che intendono segnalare una violazione e a proteggerli da potenziali atti ritorsivi o pregiudizievoli che potrebbero subire a seguito dell’attività di segnalazione, dall’altro a consentire agli enti di conoscere ed interrompere per tempo comportamenti illeciti che, se sottovalutati, potrebbero arrecare all’azienda un danno reputazionale o, ancor peggio, comprometterne il buon andamento economico. Questa Check List affronta il tema con approccio multidisciplinare analizzando sia gli aspetti civili che quelli penali.

Autori: Cammarata Leonardo, Cammarata Mario, Fumagalli Marcello, Galmarini Sabrina, Gendusa Michelangelo, Vedana Fabrizio

Editore: Altalex Editore

Anno: 2018

Estratto dall’introduzione:

Tradizionalmente sono stati i Paesi che adottano ordinamenti “common law”, in primis gli Stati Uniti, ad interpretare un ruolo pionieristico nella lotta alla condotte illecite mediante la strutturazione di un adeguato perimetro normativo di riferimento nonchè attraverso l’introduzione, in particolare, di un importante strumento anticorruzione: il whistleblowing.

Il termine in questione (letteralmente dall’inglese: to blow the whistle – soffiare il fischietto) risulta presumibilmente sconosciuto ai più, e sta ad indicare un soggetto (di seguito anche solamente whistleblower), dipendente di un’organizzazione sia essa pubblica o privata, che venuto a conoscenza di fatti o atti illeciti nel corso della propria attività lavorativa, decide di denunciare gli avvenimenti di cui è stato testimone. Le segnalazioni sono effettuate utilizzando specifici canali riservati, autonomi e indipendenti, appositamente dedicati a veicolare, all’interno dell’organizzazione aziendale, segnalazioni potenziali o effettive di violazioni.

Le disposizioni relative ai sistemi di whistleblowing sono volte da un lato a tutelare la riservatezza dell’identità dei soggetti che intendono segnalare una violazione e a proteggerli da potenziali atti ritorsivi o pregiudizievoli che potrebbero subire a seguito dell’attività di segnalazione, dall’altro a consentire agli enti di conoscere ed interrompere per tempo comportamenti illeciti che, qualora sottovalutati, potrebbero arrecare all’azienda un danno reputazionale o ancor peggio comprometterne il buon andamento economico.

STRUTTURA
Capitolo I – Origini e contesto normativo
Capitolo II – Il whistleblowing nell’ambito della struttura organizzativa aziendale
Capitolo III – Caratteristiche operative dei sistemi di whistleblowing
Capitolo IV – La tutela del segnalante e del segnalato
Capitolo V – Gli aspetti penali della disciplina e le sanzioni

Richiesta Informazioni

Richiedi maggiori informazioni sul nostro software per la segnalazione degli illeciti, dedicato ad aziende e PA, oppure sui nostri servizi o sul tema del whistleblowing attraverso il form sottostante.
Un nostro referente ti contatterà al più presto. In alternativa, contattaci al seguente numero: 02.72422.210

Dall'esperienza di Unione Fiduciaria,
un'analisi multidisciplinare
degli aspetti civili e penali
del Whistleblowing

Scopri di più